Anna Iannaccone

Personal Trainer
Chinesiologa

Blog

Correre fa dimagrire?

Posted by annaiannapt@gmail.com on 30 novembre 2016 alle 10.20



Correre fa dimagrire? Dipende da cosa intendi per dimagrire. Se per dimagrimento intendi una perdita di massa grassa, la risposta è no.

La maggior parte delle persone crede che la corsa sia la migliore attività bruciagrassi. Ma non funziona proprio così.


La corsa rischia di "cannibalizzare" la massa muscolare e non necessariamente favorisce il consumo di grasso corporeo. Questo dipende anche dai livelli di cortisolo e dalla quantità di massa magra (muscolare) presente nel nostro organismo. Inoltre, in condizioni di forte stress ossidativo bisogna valutare se la corsa, intesa nel senso classico di attività cardio, è l’attività che fa bene. Come sempre, dipende dal soggetto.


Correre al parco o trascorrere ore sul tapis roulant, seguire svariati corsi di aerobica in palestra con la speranza di dimagrire è pura illusione. L’attività aerobica prolungata e continuativa può determinare una perdita della massa muscolare con conseguente perdita di peso. Un’analisi della composizione corporea permette di verificare cosa ha determinato la perdita di peso e se questa è avvenuta nel rispetto della salute. Perdere la massa muscolare, infatti, è rischioso per la salute e altera la nostra fisiologia, abbassando per esempio il nostro metabolismo. Per questo perdere peso non equivale necessariamente a dimagrire.


Ma veniamo ai consumi dell’attività aerobica: cosa consumiamo quando corriamo o pratichiamo una attività aerobica? Il nostro corpo utilizza prevalentemente carboidrati e, in minore percentuale, grassi. Più aumenta l’intensità del lavoro aerobico, più il nostro corpo utilizza carboidrati, quindi zuccheri come fonte energetica. Al contrario, la quantità assoluta di grassi ossidata con l’attività aerobica è scarsa. Con l’attività aerobica iniziamo a consumare grassi con un lavoro lungo e lento: ciò significa dover camminare o correre per centinaia di chilometri prima di poter perdere 1 Kg di grasso! Il buon senso ci porta a immaginare l’impatto a livello delle articolazioni se percorressimo nel tempo centinaia di chilometri con lo scopo di dimagrire. Eppure c’è gente, magari anche in sovrappeso, che macina chilometri tutti i giorni perché vuole dimagrire.


Il vero dimagrimento consiste nella perdita di grasso e non semplicemente nella perdita di peso. Fare un test di bioimpedenziometria è utile per capire come funzionano i nostri meccanismi cellulari e per conoscere i nostri parametri di forma fisica. Inoltre, ai fini del dimagrimento un ruolo chiave è svolto dall’alimentazione. Non è saltando il pranzo tutti i giorni o togliendo pane e pasta che si dimagrisce. Al massimo, si deperisce! Altra abitudine consolidata è andare a correre il mattino dopo una cena con gli amici con la pretesa di smaltire le calorie incamerate la sera prima. Questo forse serve per fare i conti con i nostri sensi di colpa ma certamente non per dimagrire.


Seguire regimi alimentari restrittivi inappropriati ai nostri fabbisogni e sottoporsi a sessioni di allenamento massacranti rischiano di farci perdere la massa muscolare e di creare situazioni di infiammazione cellulare a causa del ristagno di liquidi. Rischiamo così di andare nella direzione opposta. Avete notato che molte donne, per esempio, nonostante le intense ore di attività aerobica non vedono migliorare nel tempo gli effetti della ritenzione idrica sulle loro gambe? Poi magari non si alimentano bene e il grasso non si smuove dai suoi depositi. Quando poi salgono sulla bilancia leggono una diminuzione di peso ma in realtà ciò che è calato non è necessariamente il grasso ma la massa magra. E perdere la massa magra, ovvero i muscoli, significa abbassare il metabolismo e quindi consumare di meno! A livello estetico questo lo si può notare dall' aspetto fisico completamente diverso di chi ha perso peso consumando prevalentemente la massa muscolare e chi invece conserva un fisico tonico con poco grasso corporeo. 


L’attività aerobica fa bene e l’importanza della corsa è fondamentale per la salute del nostro cuore. Il cuore cambia, si adatta in base all’attività fisica e possiamo stimolarlo perché sia più forte e resistente. L’attività fisica migliore per il nostro cuore è quella aerobica. Qualunque tipo di attività fisica, che intenda migliorare il livello di fitness e di benessere, deve puntare all’efficienza del sistema cardiovascolare. Garantirne la funzionalità è fondamentale per la nostra salute, per la nostra vita quotidiana e per affrontare al meglio qualsiasi disciplina sportiva. Le variazioni fisiologiche indotte dall’allenamento aerobico, di resistenza cardiorespiratoria, comportano un miglioramento psicofisico generale e prevengono alcune malattie metaboliche come il diabete, l’obesità, l’ipertensione. Ma “non devi correre maratone per mantenere il cuore sano”. (Journal of American College of Cardiology). Se lo scopo dell’allenamento, invece, è di tipo sportivo o agonistico, entriamo in un altro discorso. Ma qui stiamo parlando di corsa e dimagrimento.


Sicuramente una verità fisiologicamente incontestabile è che con l’attività aerobica l’organismo diventa più capace di utilizzare i grassi come fonte energetica per l’esercizio fisico. Ciò consente di bruciare il glicogeno muscolare ed epatico più lentamente. Questa capacità, se sviluppata, ci aiuterà in tutte le nostre attività quotidiane e a riposo. Correre può aiutare a dimagrire se aumenta la densità mitocondriale. L’attività aerobica aumenta la gittata cardiaca e la quantità di sangue che il cuore riesce ad inviare alla periferia. La corsa può favorire il processo di dimagrimento se migliora la capacità dei muscoli di captare l’ossigeno ma questo dipende dal soggetto e non è uguale per tutti. Inoltre, per far sì che la corsa sia davvero efficace bisogna puntare sull’intensità, valutando per esempio la possibilità di seguire un programma di HIIT (High Intensity Interval Training) e anche questo va programmato in base al soggetto. Altra cosa da considerare è se il soggetto è in forte sovrappeso perché con la corsa si rischia di rovinare le articolazioni.


Per dimagrire occorre stimolare il nostro organismo affinché consumi di più a riposo (consumando così i grassi) e il processo inizia a monte, non dal consumo del singolo allenamento. Si dimagrisce quando siamo a riposo e non quando ci alleniamo. La strada per dimagrire dunque è alzare il metabolismo attraverso l’incremento della massa muscolare. Perdere massa muscolare non favorisce il vero dimagrimento. La massa muscolare è un indicatore di salute, perché i muscoli smaltiscono la maggior parte del glucosio che assumiamo con l’alimentazione: i muscoli si nutrono di zuccheri, senza i muscoli l’eccesso di carboidrati si trasforma in grasso andando a depositarsi. Avere una buona massa muscolare ci permette quindi di avere un metabolismo attivo, di consumare di più, di contrastare l’invecchiamento e la sarcopenia, di prevenire e combattere le malattie metaboliche, di tenerci in forma affrontando al meglio gli anni che passano.


Se volete dimagrire davvero, attenzione a non perdere preziosa massa muscolare!


Se ritieni che l'articolo ti sia stato utile, condividilo con i tuoi amici, cliccando su "Share".

Categorie: Fisiologia, Allenamento

Pubblica un commento

Attenzione.

Oops, you forgot something.

Attenzione.

Le parole inserite non corrispondono al testo fornito. Riprova.

Already a member? Accedi

0 commenti